Lavoro: Calderone, "Al via il Festival, al centro innovazione e crescita"

Visite: 178

"Non mi piacerebbe un mondo del lavoro di serie A ed uno di serie B"

Milano, 20 giu. (Adnkronos/Labitalia) - "Il Festival del lavoro è passione, voglia di mettersi in gioco, e realizzare un prodotto che sia adatto alle esigenze del momento. E questa decima edizione racconta bene dove siamo arrivati, è il frutto del lavoro fatto in questi anni. E al centro quest'anno abbiamo messo lavoro, innovazione tecnologica e crescita. Il Paese ha bisogno di riflettere su questi temi". Così Marina Calderone, Presidente del Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro, ha aperto la decima edizione del Festival del Lavoro a Milano, organizzata dai Consulenti del Lavoro. "Noi come professionisti - ha detto Calderone - abbiamo una funzione di accompagnamento e lettura della situazione del momento e anche di critica. E il Festival oggi diventa sempre più internazionale, con delegazioni di diversi paesi che ci accompagnano". Secondo Calderone "il lavoro cresce se è un mercato inclusivo e quindi mettendo una platea sempre più ampia di soggetti: vorremmo che non ci fosse differenza tra lavoratore subordinato e lavoro autonomo".


Calderone, "Salario minimo? Allora anche equo compenso per professionisti"

Milano, 20 giu. (Adnkronos/Labitalia) - "Se si vuole fare il salario minimo per i lavoratori subordinati allora noi diciamo che ci deve essere anche l'equo compenso per i professionisti. Non mi piacerebbe vedere un mondo del lavoro di serie A e uno di serie B, con il salario minimo per i lavoratori subordinati e nessuna tutela per gli autonomi". Così Marina Calderone, Presidente del Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro è intervenuta dal palco del Mi.Co a Milano aprendo la decima edizione del Festival del Lavoro, organizzato dal Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro e dalla Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro. "Da tecnico dico che tutto è possibile, basta trovare le condizioni che poi rendano le misure applicabili e accettabili" ha sottolineato la Presidente.