Reddito di Cittadinanza: Meloni “misura sbagliata, non creerà nulla”

Visite: 398

Va bene l’assistenza ai deboli ma uno Stato giusto deve garantire il lavoro

Milano, 20 giu. (Adnkronos/Labitalia)

Il reddito di cittadinanza "è una misura sbagliata, innanzitutto a livello culturale. Va bene l'assistenza per le categorie deboli, come ad esempio gli anziani, ma uno Stato giusto deve garantire il lavoro. Così come è configurato, il reddito di cittadinanza non porta niente, non porta lavoro, non risolve la condizione del Meridione". Lo ha detto Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, intervenendo al Festival del Lavoro a Milano, organizzato dai Consulenti del Lavoro.


Conti pubblici, Meloni: “Con noi niente aumenti iva con stop a RdC”

Milano, 20 giu. (Adnkronos) - Fratelli d'Italia al Governo sterilizzerebbe parte delle clausole Iva eliminando il reddito di cittadinanza. Lo ha detto dal palco del Festival del Lavoro la leader del partito, Giorgia Meloni. "Dipende chi fa la prossima finanziaria, con questo governo non sono ottimista", ha risposto a una domanda sulla possibilità o meno di sterilizzare le clausole Iva, che valgono 23 miliardi solo per il 2020. "Se ci fosse un governo con FdI, parte dei soldi la troveremmo abolendo il reddito di cittadinanza", ha spiegato, soffermandosi anche sul tema dei conti pubblici e della lettera mandata a Bruxelles per evitare la procedura di infrazione.

"Per me è l'Unione che dovrebbe mandare una lettera di scuse all'Italia. Ma bisogna andare in Europa a chiedere più deficit per fare investimenti in infrastrutture, che fanno crescere il Paese, non il deficit per la spesa corrente. Se facessimo così - ha aggiunto - l'Europa non potrebbe dire 'no, siete i soliti italiani'. Ma è difficile che questo accada con il Movimento 5 Stelle, che va sul balcone a brindare con lo champagne per il deficit al 2,4%".


Salario minimo, Meloni: “Credito d’imposta per aziende con costo lavoro più alto”

Milano, 20 giu. (Adnkronos/Labitalia) - "Non sono contraria al salario minimo per le categorie escluse dai contratti nazionali, che ricordo coprono l'85% dei lavoratori, ma non si può applicare il salario minimo sulla pelle delle imprese che sono con l'acqua alla gola.

Si potrebbe immaginare almeno un credito d'imposta per le imprese, che con il salario minimo orario avranno un aumento del costo del lavoro". Così Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, a Milano dal palco del Festival del Lavoro.