Genova, arriva la firma per la “ricostruzione”

Visite: 337

Il commento del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, a margine della sigla del contratto per la demolizione del Ponte Morandi (18.01.2019)

“Oggi è stato firmato il contratto per la demolizione del ponte Morandi e la ricostruzione del nuovo viadotto sul Polcevera. Come avevamo promesso, non troverete il nome di Autostrade per l'Italia o dei Benetton. Questo perché, come abbiamo sempre detto, i lavori non potevano essere affidati ed eseguiti da chi quel ponte lo ha fatto crollare. La loro firma la vedrete molto presto sugli assegni che staccheranno per i risarcimenti ai cittadini, alle imprese genovesi colpite della tragedia e su quelli per il consorzio 'PerGenova', che si occuperà della ricostruzione del nuovo ponte. Lo Stato sta tornando a fare lo Stato. Ora avanti senza sosta per il rilancio della città”. Così il Ministro alle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli, commenta sul proprio profilo Facebook la firma del contratto per la demolizione del ponte Morandi e la ricostruzione del nuovo viadotto autostradale, avvenuta il 18 gennaio 2019. Una giornata storica per il futuro della città di Genova dopo più di 5 mesi dal crollo. “Alla fine dell'anno prossimo lo vedremo in piedi, a inizio 2020 lo inaugureremo”. "Si iniziano a vedere i primi risultati, si inizia a dare una ripresa economica a Genova”, ha poi dichiarato pubblicamente il Ministro, sottolineando che la demolizione della struttura sarà certamente un’operazione complessa.